CORSO GUA SHA CORPO SALUS

Previous item CORSO GUA SHA e RULLO VISO... Next item Abyhanga, il massaggio...

CORSO GUA SHA CORPO SALUS

Cos’è il Gua Sha?

Il Gua Sha è un’antichissima tecnica terapeutica della medicina cinese e consiste in una raschiatura dell’epidermide con un apposito attrezzo da massaggio. Se praticata da un’operatore  esperto, attraverso tale terapia è possibile migliorare la propria circolazione sanguigna e tutti i dolori fisici legati a essa.

Specificamente si  graffia la pelle  con tratti lunghi e  corti al fine di stimolare la microcircolazione del tessuto molle e aumentare così il flusso sanguigno. Prima di cominciare, l’operatore  applica sulla pelle del cliente un olio per massaggi ( si consiglia solo olio base senza olii essenziali ). Questa particolare tecnica è solitamente eseguita su schiena, natiche, collo, braccia e gambe ma in questi ultimi anni è stata anche estesa al viso.

I benefici del Gua Sha

Il Gua Sha può ridurre l’infiammazione ed è quindi spesso usato per trattare i disturbi che causano dolori cronici come l’artrite e la fibromialgia, così come quelli dovuti a dolori muscoli o articolari.Puo essere  combinato ad altre tecniche  come il Cupping , Il Cup Massage , Il Bambu massage , il Wood Massage , ecc.

Il trattamento lascia dei marchi temporanei di colore marrone-rosso sulla zona raschiata e possono durate da qualche giorno fino a qualche settimana. Il trattamento non è pensato per essere doloroso, anche se potrebbe esserlo.

Il Gua Sha come il cupping  o altre tecniche profonde  non dovrebbe mai essere attuato con cancro oppure  Parkinson o qualsiasi malattia neurologica degenerativa .

Quando usare la tecnica

  • Storicamente veniva prescritta per ogni tipo di disturbo avente all’origine la presenza di una stasi di sangue, interna o esterna e le conseguenze di una insufficiente o bloccata irrorazione dei tessuti.
  • La più importante delle indicazioni all’uso del gua sha è la presenza di ogni tipo di dolore dovuta a presenza di blocco della circolazione del sangue nei tessuti (emicrania, cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, nevralgie, etc).
  • Ma è anche utile per trattare altri sintomi, conseguenti alla insufficiente perfusione dei tessuti: la secchezza cutanea, la pelle atona e asfittica, l’ipotonia muscolare, le cisti tendinee e le esostosi.

Ecco cosa accade quando si utilizza questa tecnica terapeutica e perché

  • Il gua sha accresce il flusso di sangue nei capillari cutanei e migliora in modo significativo la micro perfusione. Nel corso della seduta, a seguito dello strofinamento della cute, avviene uno stravaso di sangue sottocutaneo con comparsa di petecchie che scompaio nel giro di pochi giorni, mentre il sollievo al dolore è pressoché immediato.
  • Il gua sha esplica azione anti-infiammatoria, sia nelle patologie acute che croniche, e migliora la risposta immunitaria. In Cina viene utilizzato per attenuare le infiammazioni allergiche, l’asma, le malattie infiammatorie intestinali, come la colite ulcerosa, e i sintomi dell’epatite acuta e cronica. Particolare beneficio è stato ottenuto nell’epatite B in fase attiva con riduzione marcata della concentrazione ematica degli enzimi epatici (transaminasi).
  • Altre condizioni patologiche che rispondono bene al trattamento con gua sha sono: la nevralgia post-erpetica, la mastopatia fibrocistica, la fibromialgia. Il vasto ambito di applicazione è comprensibile alla luce delle seguenti azioni:  –  di regolazione del flusso ematico e miglioramento della perfusione dei tessuti, – antinfiammatoria, – immunostimolante

Precauzioni importanti di cui tenere conto

  • Ricordare anche  che è vietato praticare il gua sha sull’addome di donne gravide o mestruate.